Vigilia di Diamond League per Davide Re e Yohanes Chiappinelli, protagonisti azzurri dell’Herculis di domani sera nel Principato di Monaco. Il primatista italiano dei 400 metri torna per la prima volta in pista dopo il 44.77 di La Chaux-de-Fonds e affronta alcuni dei big del panorama mondiale, tra cui l’argento iridato Steven Gardiner (Bahamas), lo statunitense campione NCAA Kahmari Montgomery e la star degli ostacoli Abderrahman Samba (Qatar). “L’obiettivo principale dopo Ginevra e La Chaux-de-Fonds è stabilizzarsi su tempi costanti – le parole del 26enne ligure delle Fiamme Gialle – parlo di un 44 alto o alla peggio 45 netti, per essere pronti in ambito internazionale. La Diamond League di domani è estremamente competitiva, io con 44.77 ho il sesto tempo di iscrizione e se andiamo a vedere i personali sono il settimo su otto, quindi è sicuramente un bel banco di prova. Darà l’idea di cosa potrebbe accadere in gare come gli Europei a squadre di Bydgoszcz e i Mondiali di Doha. Manca ancora molto, ma è un primo step ed è importante affrontarlo bene e confermarmi fin da subito su tempi molto forti”. L’altro azzurro allo stadio Louis II del Principato sarà il bronzo europeo dei 3000 siepi Chiappinelli, al cospetto del primatista mondiale stagionale Getnet Wale (Etiopia), vincitore a Rabat, e del keniano Benjamin Kigen, primo al Golden Gala di Roma nella serata dell’8:24.26 di “Yoghi”: “Sono contentissimo e gasato di poter gareggiare a Montecarlo – il commento del 21enne senese dei Carabinieri – è una delle tappe più importanti della Diamond League. Vado con l’obiettivo di fare il personale, magari correre anche sotto gli 8:20. I presupposti ci sono, vengo da un buon periodo di allenamento al Sestriere: di avversari forti ce ne sono e quindi sono ancora più carico e motivato. Ho rinunciato agli Europei under 23 per questa gara e spero vivamente di fare bella figura”.