La prima giornata dei Campionati Italiani Assoluti di Bressanone lancia le sfide tricolori alla Raiffeisen Arena. Nel day 1 dedicato soprattutto ai turni di qualificazione e alle prime prove del decathlon e dell’eptathlon, i quattrocentisti Edoardo Scotti (Carabinieri) e Maria Benedicta Chigbolu (Esercito) avanzano in finale con i migliori tempi: 47.06 per il campione europeo under 20, 53.01 per la staffettista azzurra. Nelle batterie dei 100 metri al maschile, svetta Andrea Federici (Atl. Biotekna Marcon) con 10.49 (+0.3), mentre la migliore nel primo round dei 100hs è Silvia Taini (Brixia Atletica) con 13.82 (-1.0). Super prima giornata nell’eptathlon per Sveva Gerevini (Cremona Sportiva Atl. Arvedi) che vince quattro gare su quattro e sigla tre primati personali, tra cui spicca il 13.88 (+0.4) nei 100hs e il 23.87 (+0.3) nei 200 per un totale di 3485 punti. Domani si assegnano 22 titoli ed entrano in scena molti dei big. Emozioni e amarcord: consegnati a sette atleti azzurri i pettorali con lo stesso numero che indossavano ai Mondiali allievi di Bressanone 2009, dieci anni fa: Alessia Trost che fu campionessa del mondo dell’alto, il bronzo dei 100 Giovanni Galbieri, Davide Re, Anna Bongiorni, Michele Tricca, Francesca Massobrio e Ivan Mach di Palmstein.