Un grande evento che ha avuto un riscontro eccellente. Sabato scorso, presso il centro sportivo dell’istituto scolastico Raffaello a Roma (zona Romanina), si è svolto un importante stage tecnico di judo, organizzato dall’Asd Judo Frascati in collaborazione con l’Asd Miriade e patrocinato dal comitato regionale Lazio che è stato condotto dal due volte campione del mondo e vincitore di cinque Grand Slam (ultimi quelli di Tokyo e Parigi nel 2015) Hiroyuki Akimoto.

A questo importante appuntamento hanno partecipato oltre 300 judoka in rappresentanza di ben 38 club: Miriade, Asd Kodokan Gordiani, Centro sportivo Monte Sacro, Centro scuole Judo, Zero9 ssd, Kodokan Anzio ed Aprilia, Sporting Paradise Judo, Asd nuovo centro Sakai di Battipaglia, Olimpia Club, Torlupara, Asd Castelli Romani, Europaradise, Asd Faratletica, Pomilia, Olimpic Center di Torre del Greco, Asd Judo Shihan Sermoneta, 7 Samurai, Asd il Sole Monterotondo, Asd Fuji Yama Velletri, Polisportiva Ottavia, Asd Narabi, Asd judo Grosseto, Ren shu kan, Judo Pavoni, Asd Polisportiva Yubikai, Polisportiva Castelverde. Lo stage è stato diviso in due turni, uno riservato ai preagonisti (ben 147 mini judoka) dalle ore 9,30 alle 11 e l’altro agli agonisti (153 atleti) dalle 11 alle 14,30.

A tutti i partecipanti sono stati consegnati dei gadget offerti dalla Mizuno e il diploma di partecipazione.
«Abbiamo vissuto una grande giornata di sport in un’atmosfera diversa dal solito dove si è visto il vero ed autentico spirito del judo grazie alla presenza di questo grande campione – commenta il maestro e presidente dell’Asd Judo Frascati Nicola Moraci – E’ doveroso ringraziare tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questo evento come la Mizuno nella persona del suo manager Taizo, che tra l’altro ha anche fatto da traduttore dal giapponese all’inglese, ma anche il maestro Giuseppe Costa, titolare della Yoryu sport, il professor Giovanni Caso che ha concesso l’uso della struttura ed inoltre il dottor Claudio Pilati che ha presenziato allo stage nel doppio ruolo di medico e di judoka, ma anche Alfredo Moraci nel ruolo di perfetto traduttore per competenze tecniche dall’inglese all’italiano, il nostro collaboratore Daniele Mattozzi che ha fatto da partner al campione giapponese, Piera Moraci per l’impeccabile organizzazione e Maria Laura Moraci che ha curato il servizio fotografico».