Ancora un week end di primati mondiali per la più forte apneista italiana di tutti i tempi. Alessia Zecchini dopo il successo al Molchanova Grand Prix di Ibiza è volata in Turchia per l’Open “Kaş Başka”, gara propedeutica ai Mondiali CMAS outdoor che si apriranno domani. E lì, visto che c’era, Alessia ha ritoccato due primati del mondo che già le appartenevano. Ieri, con un tuffo di 3’ e 40” ha “abbassato” l’asticella da -101 a -107 della prova in assetto costante con monopinna, ritoccando il precedente primato realizzato a Milazzo (PA), neanche un mese fa e uguagliando così il record AIDA, stabilito dall’atleta romana a luglio a Long Island. “Era un sogno che coltivavo da tempo” la confessione affidata alla sua pagina Facebook “l’unificazione delle due corone iridate, AIDA International e CMAS -World Underwater Federation.” L’ennesimo trionfo in un anno decisamente eccezionale, reso ancor più dolce dalla vittoria della Roma nel derby. Appena il tempo di dormirci su, e oggi Sua Profondità Alessia Zecchini ha concesso il bis nella gara di Free Immersion staccando il cartellino a -90, un metro in più rispetto ai -89 stabiliti alla Dugongo Cup siciliana.