Ha davvero portato fortuna a Lucky Anna Falchi, la showgirl intervenuta al SuperCat Show alla Nuova Fiera di Roma. “Lucky è una vittima innocente”, ha detto Falchi, “era stato investito da un’auto, rimasto senza fratellino e senza una zampetta, per fortuna l’Arca onlus lo ha subito soccorso, curato e rimesso in adozione. Sono felice che oggi abbia trovato la famiglia che si merita e di essere qui presente con loro”. Anna Falchi, madrina dell’area adozioni del SuperCat Show, a cura dell’Arca onlus (www.igattidellapiramide.it) è da sempre una grande amante di gatti e proprio oggi l’evento ha fatto il pieno di adozioni.

Adottati oggi tutti e dieci i gatti in cerca di casa, tra tigrati e anche neri, come la mascotte dell’evento Lucky.
“Io mi sento un po’ gatta, sono selvatica al punto giusto, do affetto a chi se lo merita”, continua Falchi, “il mio primo gatto era nero, che per me portano fortuna, facevo la prima elementare, avevo 6 anni e lo chiamai Miao, proprio come il gatto di Heidi. Da adolescente ho fatto volontariato per l’Enpa di Pesaro, città dove mi trovato, e mia figlia, di 7 anni, oggi è la gattara più giovane di Roma, a Prati: tutte le mattine portiamo del cibo e i gatti la riconoscono e le si avvicinano, lei ha una predilezione e una capacità incredibile di rapportarsi con loro. I gatti lo sentono, sono astuti, percepiscono chi li ama. Basti pensare che mia madre, pur essendo allergica, ha sempre avuto gatti in casa: nessuno di noi può farne a meno. Purtroppo a febbraio il mio gatto Dino ci ha lasciato, è stato un gran dolore, fu trovato nella spazzatura, mi ha dato molto amore e spero tanto di essere riuscita a contraccambiarlo. Mi auguro che al SuperCat Show vengano tante famiglie ad adottare questi teneri e meravigliosi batuffoli in difficoltà”.

Tra i riconoscimenti, oltre al “Trofeo Monge SuperCat dell’anno”, anche i Premi Speciali. Sabato: il gatto nero più anziano (Schesir ), contro la superstizione; il gatto più anziano (fra tutti a prescindere dal colore, esclusi i neri, Trainer); l’allevatore con più gatti (Royal Canin); il Sacro di Birmania che ha conseguito il punteggio più alto (Farmina). Mentre domenica saranno premiati: il gatto nero più giovane (Schesir); il gatto più giovane (fra tutti a prescindere dal colore, esclusi i neri, Trainer); il premio chilometrico all’allevatore che proviene da più lontano (Oasy); il gatto rosso col punteggio più alto in entrambe le giornate (Petreet).

Articolo precedenteSi é svolto il raduno degli osservatori arbitrali dell’Aia di Civitavecchia, Rieti e Viterbo
Prossimo articoloScherma paralimpica, Mondiali, Roma, oro sciabola e fioretto a squadra, bronzo per Nora e Russo