Rivivere l’importanza della cultura di un operoso borgo medioevale che ha saputo conservare le proprie radici dai primi insediamenti Etruschi fino ai giorni nostri con la lavorazione delle terrecotte. Si è concentrata l’attenzione su uno studio di analisi storico-antropologica, costruendo degli itinerari tematici volti a riattivare quei “focolari narrativi” che il tempo aveva obliato. Le passeggiate/racconto saranno concentrate sul duecentesco castello degli Orsini, poi dimora dei Farnese con Giulia “la Bella”, sulle chiese romaniche, luogo di devozione, e su tutto il territorio, terreno fertile di antichi valori e saperi.

Passeggiate/racconto
Il volto di Giulia “la Bella”, Il giardino medievale e le sue protagoniste, chiese e palazzi nobili, Castrum Palazzolo – La voce dei pastori, “i cocciari” tra ceramica e museo

Itinerari tematici
Trekking narrativo area archeologica di Palazzolo, necropoli dei “Morticelli”, fornace romana. Escursione alla “Cella di Santa Rosa”;

I musei; 2000 anni della ceramica bassanellese, Marco Ricci “Arti e mestieri di una volta”, Casa della cultura camerunense;

Percorso farnesiano; gli Orsini e i Farnese, viaggio nelle dimore di Vignanello e Caprarola;

Calendari definiti
Apertura castello Orsini-Misciattelli, domenica 22 settembre passeggiata/racconto “Il volto di Giulia la Bella” in occasione de “Le vie del gusto” – percorso enogastronomico di antichi sapori;

Apertura castello Orsini-Misciattelli, giovedì 26 settembre passeggiata/racconto “Il volto di Giulia la Bella” e concerto di musica barocca a cura del gruppo internazionale “Ensemble Musae Jovis”, composizioni strumentali e vocali del barocco;

Apertura Castello Orsini-Misciattelli, venerdì 11 ottobre passeggiata/racconto “Il volto di Giulia la Bella” e degustazione “Vino Divino” evento enogastronomico di eccellenza;

Apertura Castello Orsini-Misciattelli, sabato 12 ottobre passeggiata/racconto “Il giardino medioevale e le sue protagoniste”. Narrazione focalizzata sulle piante autoctone prima della scoperta dell’America, l’importanza dell’orto-giardino;

Apertura Castello Orsini-Misciattelli, sabato 2 novembre passeggiata/racconto “Il volto di Giulia la Bella”. I punti interrogativi sulla figura di questa nobildonna del rinascimento;

Apertura Castello Orsini-Misciattelli, primavera 2020, progetto didattico per le scuole dall’infanzia alla secondaria (modalità-attuazione: su richiesta);

Trekking narrativo area archeologia di Palazzolo o percorso farnesiano; gli Orsini e i Farnese, viaggio nelle dimore di Vignanello e Caprarola (modalità-attuazione: su richiesta);

Il castello Orsini-Misciatteli rimane aperto su prenotazione per gruppi di minimo 15 persone. Ogni evento è modellabile in base alle esigenze dei visitatori.

Articolo precedenteBaseball, qualificazione olimpica, Italia sconfitta 8-2 da Israele
Prossimo articoloVela, Melges 24 Pre Worlds, la prima giornata risponde al solo nome di Bombarda Racing