Svanisce il sogno del titolo italiano per Beppe Fascicolo. Il pilota veneto, insieme ai compagni Alfred Nilsson e Stefano Comandini erano impegnati questo weekend nell’ultimo round stagionale del Campionato Italiano Gran Turismo Endurance. Il trio del team Ceccato Racing con la BMW M4 GT3 era in lotta per il tricolore a soli due punti dalla vetta. Purtroppo, però, la sfortuna ha impedito a Fascicolo e compagni di prendersi la corona.

“E’ stato un fine settimana in Brianza iniziato alla grande – ha commentato il pilota veneto – eravamo riusciti a stabilire anche il miglior crono nelle qualifiche che ci ha permesso di partire dalla pole position. Durante il mio stint ho cercato di essere prudente difendendo la posizione. C’erano problemi con la pioggia e con l’assetto, ma poi, mentre la pista si asciugava, la vettura è diventata sempre più performante. Ho consegnato la vettura a Stefano che è riuscito a rimontare ed arrivare al primo posto di classe, quarto assoluto. C’erano tutte le condizioni per portarsi a casa la vittoria, ma poi durante il passaggio di consegne con Alfred, al cambio pilota, qualche cosa non ha funzionato e siamo stati costretti a rientrare nuovamente ai box per sistemare una ruota. Abbiamo perso tempo e un giro e in quel momento è svanito tutto”.

Infatti, il tempo perso durante la sosta supplementare ha fatto scivolare il trio della BMW in quinta posizione di classe, perdendo quindi l’opportunità di conquistare il titolo Endurance italiano, chiudendo la stagione al terzo posto in virtù del regolamento che prevede anche lo scarto di un round.

“Siamo amareggiati – commenta Fascicolo – pensavamo di avercela quasi fatta. E’ un vero peccato, perché abbiamo dato il massimo per centrare questo obiettivo. Ci resta la soddisfazione di aver creato un’ottima squadra e ora dobbiamo pensare al futuro e organizzarci per capire quali saranno i nostri prossimi obiettivi. Ringrazio tutto il team e i miei compagni per avermi fatto vivere questa emozionante stagione”.

Articolo precedenteMotoTematica, i film vincitori della IV edizione
Prossimo articoloLe barche storiche tornano in Versilia per l’ultimo appuntamento della stagione