Si è da poco conclusa nella Sala Biagi di Palazzo Lombardia la conferenza stampa di presentazione della Coppa del Mondo ISSF di Tiro a Volo specialità Trap e Sleet. L’evento sarà ospitato dal Trap Concaverde di Lonato del Garda (BS) dal 20 al 29 aprile e porterà nella località gardesana 481 tra i migliori tiratori al mondo in rappresentanza di 70 Nazioni.

L’Italia schiererà in pedana le squadre dei Probabili Olimpici di entrambe le specialità. In totale saranno venti gli atleti convocati, ma i Direttori Tecnici Nazionale Albano Pera (Trap) e Andrea Benelli (Skeet) non hanno ancora sciolto la riserva sui dodici che gareggeranno per le medaglie e gli otto che compereranno solo per i “ranking points” (fuori classifica). Su tutti spiccano i nomi, nello Skeet  di Diana Bacosi (Esercito), Campionessa Olimpica a Rio 2016 e argento a Tokyo 2020, e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro), Campione Olimpico a Rio 2016, e nel Trap Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre), bronzo olimpico a Sydney 2000 e poi argento ad Atene 2004, Pechino 2008 e Rio 2016, Massimo Fabbrizi (Carabinieri), argento a Londra 2012.

A presentare il calendario dettagliato dell’evento è stato Ivan Carella, Presidente del Trap Concaverde. “Dopo 3 Mondiali e 3 Europei, questa sarà la 13ª Coppa del Mondo che il Trap Concaverde ospiterà in collaborazione con la Federazione Italiana Tiro a Volo. Quest’anno per noi sarà un onore ancora più grande rispetto al passato perché festeggiamo il 40° anniversario della fondazione e non c’è modo migliore per celebrare questo traguardo. In questi anni abbiamo raggiunto traguardi importanti. Tra questi quelli che ci rendono più orgogliosi sono l’abbattimento di tutte le barriere architettoniche, che rendono il nostro impianto totalmente accessibili alle persone con disabilità fisica, la digitalizzazione e la piena sostenibilità ambientale. Saranno dieci giorni intensi. In pedana sfileranno i migliori tiratori al mondo e grazie alla copertura garantita dalla RAI, con dirette di tutte le finali olimpiche e servizi quotidiani, avremo la massima visibilità”.

Subito dopo di lui ha preso la parola Antonio Rossi, Sottosegretario della Regione Lombardia con Delega allo Sport, Olimpiadi 2026 e Grandi Eventi. “Questo evento internazionale si inserisce nel più ampio progetto di sport che la Regione Lombardia ha intrapreso e che culminerà con le Olimpiadi Invenrali di Milano-Cortina del 2026. Quelli che Ivan Carella ci ha descritto sono numeri important che certificano il gradimento dell’impianto di Tiro di Lonato da parte degli atleti. E’ un struttura che rappresenta una eccellenza e che conosco molto bene. Di eccellenza è anche l’organizzazione. L’aver coinvolto la Rai con Rai Sport è un ottimo modo per promuovere lo sport. Faccio il mio in bocca al lupo agli atleti e mi complimento con voi per questa organizzazione”.

Presente anche il Sindaco di Lonato del Garda Roberto Tardani, da sempre al fianco del Trap Concaverde nell’organizzazione degli eventi internazionali ospitati dall’impianto sportivo lonatese. “A nome di tutta l’Amministrazione Comunale e della Città di Lonato, ringrazio davvero il Presidente Ivan Carella per dedicarsi all’organizzazione di questo evento riconosciuto a livello internazionale e di grande rilevanza per il nostro territorio e per tutti gli atleti che ne prenderanno parte. Dopo anni difficili di pandemia, nonostante la necessità di essere ancora prudenti nei confronti di questo virus, poter ricominciare a competere a livello sportivo ci dà speranza ed è per noi un vero onore potervi ospitare nella nostra città”.

Fondamentale anche il sostengo garantito alla manifestazione dal CONI Lombardia, rappresentato nell’occasione dal Presidente Marco Riva “Questa gara di Coppa del Mondo delle discipline Olimpiche di Tiro a volo conferma ancora una volta la forza del movimento sportivo italiano e le eccellenze presenti sul territorio lombardo: l’impegno degli organizzatori, dalla FITAV a livello nazionale con Luciano Rossi e a livello regionale con Daniele Ghelfi, fino al “padrone di casa”, Ivan Carella del Trap Concaverde di Lonato del Garda, motore inesauribile dell’evento, rappresenta al meglio lo spirito e la passione che anima gli sportivi di tutto il mondo che saranno accolti in un tempio del tiro a volo, riconosciuto a livello internazionale. Non vediamo l’ora di assistere a questa avvincente competizione”.

“Questi eventi assumono un’importanza sempre più nodale per il movimento perché sanno offrire una crescente spettacolarizzazione anche a chi viene ad assistere – ha detto Daniele Piva, Business Unit Director di Fabbrica d’Armi “Pietro Beretta – In Beretta lo sappiamo bene e lavoriamo alacremente anche perché la disciplina diventi sempre più attrattiva anche per i giovani; per quelle nuove generazioni che hanno in animo il desiderio di fare parte di questo movimento. Per questo motivo l’incessante e proficuo lavoro sinergico con la Federazione Tiro a Volo, unito alla leva che possono esprimere strutture meravigliose come quella di Lonato, ci consente di comunicare immagini e altri tipi di contenuti di uno sport così meraviglioso e così insito nel DNA di Beretta. I successi raggiunti in questo ambito da Fabbrica d’Armi assieme al suo team di tiratori d’eccellenza ne sono l’espressione più fulgida. E parliamo di successi frutto non del caso, ma che sono figli di una progettazione che vede sì al centro il prodotto – arma, abbigliamento e accessori – ma che possono contare su una costante innovazione tecnologica in aiuto del tiratore: come la piattaforma Shooting Data”.

“Lacertosus produce attrezzature sportive di alta qualità. Da sempre accompagna sportivi di ogni età e disciplina ed oggi è onorata di sostenere FITAV, che rappresenta una delle eccellenze dello sport Made in Italy nel panorama internazionale – ha spiegato Alessio Marazzini, Direttore Generale della ditta parmense – In questo particolare momento storico, riteniamo sia un dovere investire nella promozione dello sport quale strumento di inclusione ed uguaglianza: i princìpi alla base dello Sport, il fair play, l’uguaglianza, il sano confronto sportivo sono valori morali superiori che dovrebbero far parte della cultura di tutti”.

A chiudere la conferenza è stata Emanuela Bonomi Croce, Vicepresidente della Federazione Italiana Tiro a Volo intervenuta per portare il saluto del Presidente Luciano Rossi e del Consiglio Federale.

“Quello che vi abbiamo presentato oggi è uno degli eventi più importanti della stagione agonistica, sia Nazionale sia Internazionale, che vede la Federazione Italiana Tiro a Volo come protagonista assoluto e principale artefice. Solo in questo anno le Federazioni Internazionali del Tiro Sportivo ci hanno assegnato sei grandi eventi a testimonianza della nostra credibilità e della nostra lunga storia di successi, sia sportivi sia organizzativi. Tra questi mi permetto di ricordarvene uno che mi sta molto a cuore, ovvero il Primo Campionato Europeo di Para-Trap in programma all’inizio di ottobre sempre al Trap Concaverde di Lonato del Garda già sede della Prima Coppa del Mondo e del Primo Campionato del Mondo riservato a tiratori con disabilità fisica. La Coppa del Mondo che si aprirà il 20 aprile porterà in Italia e qui in Lombardia i migliori tiratori di 70 Paesi. Con loro arriveranno nel territorio gardesano Dirigenti Federali, Tecnici e accompagnatori. Numeri importanti che certificano il gradimento nei confronti di questa terra che è la culla del Tiro a Volo mondiale anche grazie alla presenza di quelle che sono considerate le più importanti aziende del settore. A loro ed agli altri Sponsor che interverranno con un sostegno organizzativo va il nostro ringraziamento. Quest’anno farà il suo debutto ufficiale Casa Fitav, Guest House itinerante realizzata dalla Federazione grazie al coinvolgimento della Società Tiche-Rea con cui la Federazione vuole stringere un accordo di collaborazione nel prossimo futuro”.

L’appuntamento è quindi fissato alle 17.30 del 20 aprile nell’impianto del Trap Concaverde con la Cerimonia di Apertura. Dopo la tradizionale sfilata delle bandiere e gli interventi istituzionali, si esibirà Gabriele Maquignaz, artista talentuoso che rappresenta a pieno titolo l’arte contemporanea e definito da molti critici il nuovo Fontana. Il maestro realizzerà la sua nuova opera “Big Bang della Pace” utilizzando non il tradizionale pennello bensì un fucile (doppietta o 28 o sovrapposto), una cartuccia e bombolette di colore. L’opera sarà esposta per tutta la durata della manifestazione presso Casa Fitav.

Articolo precedenteRally di Sanremo, Edoardo De Antoni ai piedi del podio
Prossimo articoloRitirata la licenza sportiva al pilota russo Artem Severyukhin