In occasione della 36^ UYN Venicemarathon che si è disputata domenica 23 ottobre a Venezia, come ogni anno sono state organizzate una serie di manifestazioni collaterali che hanno scandito il percorso di avvicinamento alla maratona.
 Tra queste, si sono svolte le cinque Alì Family Run, ovvero le corse non competitive di promozione sportiva a carattere solidale, dedicate esclusivamente al mondo della scuola, che si sono disputate nei comuni di Portogruaro, Chioggia, San Donà di Piave, Dolo e Mestre e che hanno coinvolto complessivamente 17.000 studenti.
Una parte del ricavato delle adesioni sarà destinato alla Disabili No Limits, l’associazione fondata 11 anni fa dall’atleta paralimpica, scrittrice e senatrice della Repubblica Giusy Versace, e nell’occasione madrina dell’intero circuito.
La Versace, presente all’ultima tappa che si è svolta venerdì 21 ottobre nel bellissimo Parco San Giuliano di Mestre, ha così commentato:

“La disabilità sta negli occhi di chi guarda e i giovani devono crescere con la cultura dell’integrazione e dell’inclusione. Le Alì Family Run rappresentano una di quelle occasioni nelle quali si seminano valori importanti, proprio in virtù di una società migliore. Ringrazio Venicemarathon per avermi dato questa possibilità e ringrazio tutti gli studenti che, in queste cinque tappe, hanno corso anche per chi non lo può fare.”

 

In passato Giusy Versace è stata anche madrina del Charity Program, ovvero la raccolta fondi benefica legata alla Maratona di Venezia, organizzando lei stessa team di runners dal cuore grande che correvano anche a favore della sua associazione.
Articolo precedenteIl Rally Trofeo ACI Como mette a dura prova Menegatti
Prossimo articoloDoppietta di Lamonato nel Cira