Si è purtroppo interrotta al recente Rally 1000 Miglia la lunga striscia di risultati positivi, cinque per l’esattezza, che ha visto protagonista Mattia Zorzi.

Il pilota di Sant’Ambrogio di Valpolicella, reduce da quattro vittorie consecutive e cinque podi nelle ultime trasferte affrontate, ritornava sulle strade bresciane con tanta voglia di ben figurare.

In gara per i colori di Omega, iscritto da Alpha, il portacolori della scuderia scaligera, unico partente in classe RSTB 1.4 al volante della sua Abarth Grande Punto condivisa con Dario Seminara alle note, prendeva le misure sulla prova speciale spettacolo del Venerdì pomeriggio.

La doccia fredda arrivava già sul primo impegno del Sabato, quello di “Provaglio Val Sabbia”, dove il cedimento della trasmissione poneva fine al suo debutto nel Campionato Italiano Assoluto Rally, costringendolo ad alzare bandiera bianca prima del previsto.

“Siamo partiti con delle buonissime prospettive” – racconta Zorzi – “ed infatti abbiamo preso, da subito, un gran passo. Purtroppo al quinto, forse sesto, chilometro della prima speciale del Sabato il cambio ci ha lasciato. Un vero peccato perchè avevamo preparato tutto per bene ed avevamo gli ingredienti giusti per mettere in piedi un’ottima gara. Vorrei ringraziare in primis il mio navigatore, Dario Seminara, per tutto quello che è fatto. È stato eccellente. Grazie a tutte le persone che sono sempre al mio fianco, al mio socio Nicolò Tommasi ed a Cristian Pachera. Grazie a Baldon Rally, che ci ha seguito in campo gara, ed a tutti i suoi spettacolari ragazzi. Grazie ai nostri partners ed alla scuderia. Torneremo sicuramente l’anno prossimo per rifarci.”

Un boccone amaro che viene parzialmente arginato spostando lo sguardo su un altro fronte, quello di una Coppa Rally ACI Sport che, in zona tre, è in grado di fargli ritrovare il sorriso.

Quando al termine della stagione mancano soltanto due appuntamenti, il San Martino di Castrozza ed il casalingo Due Valli a coefficiente maggiorato, Zorzi comanda le operazioni in classe RSTB – RSTW 1.4, nello scontro diretto con un Mascanzoni che lo tallona da vicino.

Sono soltanto quattro punti e mezzo a separare i due e lo scaligero sarà chiamato a difendere, con i denti e con le unghie, una prima piazza che si tradurrebbe nel pass per la finale.

“Siamo ancora primi nella CRZ di zona tre” – aggiunge Zorzi – “perchè sia noi che il nostro diretto rivale abbiamo saltato la trasferta del Marca. Siamo in testa ma il margine è davvero molto ridotto ed al termine dell’annata ci sono ancora due gare con il coefficiente maggiorato. Non saremo presenti al San Martino di Castrozza, data la vicinanza con il 1000 Miglia, ma quasi certamente saremo al via della gara di casa, il nostro Due Valli. Staremo a vedere se Mascanzoni correrà in Trentino ma il coefficiente maggiorato di queste due gare ci permetterà di giocarci il tutto per tutto in casa. Sarebbe bello poter chiudere in bellezza questo 2022.”

“Mattia è stato molto sfortunato al 1000 Miglia” – racconta Ivano Griso (presidente Omega) – “ma deve presto ritrovare fiducia e determinazione perchè c’è una CRZ da portare a casa.”

Articolo precedenteRally Team, un rally 1000 Miglia complicato
Prossimo articoloRudy Michelini e un Rally 1000 Miglia di buone sensazioni